• Finanziamenti


Come risolvere il problema del finanziamento degli interventi di efficienza energetica?

Il problema più importante da risolvere per l’attuazione di questi interventi migliorativi è il finanziamento degli investimenti. In materia di rinnovabili termiche ed efficienza energetica è entrato in vigore a partire dal 28 dicembre 2012 il conto energia termico (www.gse.it); per i privati finanzia la produzione di FER (fonti energetiche rinnovabili) termiche mentre per la PA anche gli interventi di efficientamento energetico.
Il 6 luglio 2012 è entrato in vigore il DM sulle rinnovabili elettriche non fotovoltaiche che ha radicalmente modificato i premi economici per la produzione di energia, differenziandoli a seconda delle modalità di realizzazione degli impianti.
Per il risparmio energetico sono previste due tipologie di detrazioni fiscali: il 55-65% e il 36-50%. La detrazione del 55% (prevista dalla Finanziaria 2007), è stata portata, con il Decreto approvato dal Consiglio dei Ministri del 31 maggio 2013, al 65% fino al 31 dicembre 2013. Vale per interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti, interventi sugli involucri degli edifici, installazione di pannelli solari e interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale. Invece, le cosiddette “ristrutturazioni importanti dell’intero edificio” prevedono la detrazione del 65% fino al 30 giugno 2014.

In questo modo risulta inoltre più facile essere finanziati tramite terzi, cioè attraverso delle ESCO (Energy Service COmpany) che si addebitino tutti i costi e i rischi relativi agli interventi, recuperando successivamente l’investimento attraverso un’ipoteca sul valore dei risparmi energetici conseguiti.

Il 31 Dicembre 2013 scade il termine per richiedere gli incentivi denominati “Titoli di Efficienza Energetica” per interventi di risparmio energetico effettuati dal 2006 ad oggi. ERGapp supporta le aziende nell'iter di richiesta dei Titoli di Efficienza Energetica.

Con la Legge di Stabilità 2016 sono state confermate le detrazioni fiscali al 50% sulle ristrutturazioni edilizie, valide anche per l'installazione di impianti fotovoltaici, sistemi d'accumulo, stufe e altri prodotti per l'autoproduzione energetica. Sono state anche prorogate le detrazioni fiscali note come ‘ecobonus’ al 65% per gli interventi di riqualificazione energetica degli immobili, valide anche l'installazione di impianti solari termici, pompe di calore, caldaie a biomassa e altro ancora.

Nel seguito sono elencati i principali finanziamenti aperti nelle diverse regioni italiane:


Scadenza: Presentazione domande dalle ore 9:00 del 10 dicembre 2015

Smart Energy Fund – Fondo di ingegneria finanziaria per le PMI

Con questo fondo la regione Lazio vuole promuovere la riduzione delle emissioni climalteranti dovute alle attività svolte nel territorio regionale.

Sono ammissibili i seguenti investimenti, finalizzati al miglioramento dell’efficienza energetica o alla produzione di energia rinnovabile, e che devono essere realizzati nel territorio regionale del Lazio:

  • Investimenti semplici: Pannelli Solari termici, Caldaie a condensazione, Sostituzione serramenti e infissi, Installazione apparecchi a LED, Fotovoltaico, Impianti a biomassa legnosa, Pompe di calore elettriche per la produzione di ACS, Pompe di calore elettriche per il condizionamento con potenza inferiore ai 12 kW, Condizionatori ad aria ad alta efficienza con potenza inferiore ai 12 kW;
  • Investimenti complessi: per la riduzione dei consumi di energia primaria nella misura minima del 10% annuo rispetto alla media degli ultimi due anni;
  • Investimenti che migliorino di almeno una classe energetica la prestazione energetica generale dell’edificio o unità immobiliare oggetto dell’intervento;
  • Altri impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili a scala ridotta (capacità istallata inferiore a 500 kWp);
  • Impianti ex novo per la cogenerazione ad alto rendimento, come definita all’art. 2 (34) della Direttiva 2012/27/UE.

L’importo totale delle spese ammissibili non deve essere inferiore a 10 mila euro né superiore a 1 milione di Euro.

L’agevolazione consiste in un mutuo chirografario a tasso zero ed i Prestiti Agevolati con lo Smart Energy Fund sono erogati con due modalità alternative: “Prestiti Non Cofinanziati” e “Prestiti Cofinanziati”.

La presentazione delle domande deve avvenire esclusivamente per via telematica sul sito www.lazioinnova.it, compilando l’apposito formulario.

Tipologia di bando: Bando regionale
Ambito territoriale: Regione Lazio

Per maggiori informazioni:
- Consultare il sito ufficiale


Scadenza: Presentazione domande a partire dal 29 giugno 2015

Aiuti alle PMI per efficienza energetica, cogenerazione ad alto rendimento e fonti rinnovabili

Questi finanziamenti sono volti a ridurre i costi energetici delle piccole e medie imprese per un valore totale di 92,3 milioni di euro, divisi tra:

  • Fondo mutui (32,3 milioni di euro);
  • Sovvenzioni dirette (27,7 milioni di euro);
  • Mutui erogati dalle banche (32,3 milioni di euro).

Grazie alle agevolazioni le imprese (micro, piccole e medie) potranno realizzare interventi per l'efficienza energetica, la cogenerazione ad alto rendimento e la produzione di energia da fonti rinnovabili (fino a un massimo del 60% dell’energia consumata mediamente nei 3 anni solari antecedenti la data di presentazione della domanda e, comunque, fino al limite massimo di 500 kW di potenza).

I progetti devono partire da un importo minimo di 80mila euro e risparmiare almeno il 15% dell'energia utilizzata dalle sede aziendale dove saranno realizzati gli investimenti. Questi ultimi potranno arrivare fino a 2 milioni di euro per le imprese piccole e micro e fino a 4 milioni per le medie.

Le domande potranno essere presentate a partire dal 29 giugno direttamente alla banca finanziatrice o ad un Confidi, ma non c'è scadenza perché l'avviso è a sportello.

La gestione dello strumento è di competenza della Regione Puglia che ha delegato a Puglia Sviluppo le funzioni di Organismo Intermedio e Finanziario. L'avviso è stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia (n. 77) ed è disponibile sui portali sistema.puglia.it e puglia sviluppo.eu.

Tipologia di bando: Bando regionale
Ambito territoriale: Regione Puglia

Per maggiori informazioni:
- Consultare il sito ufficiale


Scadenza: Presentazione domande a partire dal 26 luglio 2015

Fondo di garanzia per investimenti in energie rinnovabili

Tale fondo serve per avviare le agevolazioni a garanzia finanziaria per prestiti finalizzati alla riqualificazione energetica e all’installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovaibili. I beneficiari saranno le PMI, persone fisiche, associazioni, aziende sanitare ed enti locali.

Le domande devono essere presentate sul sito www.toscanamuove.it.

Sono ammesse a garanzia le operazioni finanziarie finalizzate alla realizzazione di investimenti per riqualificazione energetica e installazione di impianti alimentati da fonti rinnovabili. Gli investimenti devono essere realizzati in Toscana successivamente alla data di presentazione della richiesta di garanzia.

Qualsiasi informazione relativa al bando e agli adempimenti ad esso connessi può essere richiesta al seguente indirizzo di posta elettronica: info@toscanamuove.it o al numero verde 800327723.

Tipologia di bando: Bando regionale
Ambito territoriale: Regione Toscana

Per maggiori informazioni:
- Consultare il sito ufficiale


Scadenza: Presentazione domande dal 1° gennaio al 28 febbraio di ogni anno

Contributi per la realizzazione di impianti energetici a biomassa legnosa

Tale bando revede la possibilità di accedere a contributi in conto capitale per:

  • Interventi di acquisto e messa in opera di nuove caldaie a biomassa forestale, finalizzate alla sola produzione termica da combustione, destinate a servire utenze pubbliche e private, compresa l'installazione dell'eventuale relativo sistema di telecontrollo. La potenza termica delle caldaie deve essere compresa tra i 30 kWt e i 100 kWt, mentre l’efficienza energetica termica non può essere inferiore al 90%;
  • Installazione di container di contenimento dell'impianto forniti unitamente all'impianto stesso, esclusa l'edificazione di strutture in legno o latero cemento, al fine di contenere l'impianto o come deposito della biomassa.

Tipologia di bando: Bando regionale
Ambito territoriale: Regione Friuli Venezia Giulia

Per maggiori informazioni:
- Consultare il sito ufficiale


Scadenza: Presentazione domande a partire dal 26 luglio 2015

Bando per la riqualificazione energetica degli edifici pubblici del piccoli comuni

La dotazione finanziaria messa a disposizione per il presente bando è pari a 7.000.000 di euro, salvo ulteriori risorse aggiuntive che si renderanno disponibili.

Possono presentare domanda:

  • Comuni con popolazione fino a 1000 abitanti;
  • Unioni di Comuni, istituite ai sensi delle normative statale e regionale vigenti, che svolgano in forma associata la gestione del patrimonio edilizio funzioni o servizi in cui sia ricompresa la gestione del patrimonio edilizio afferente all'esercizio associato delle funzioni e dei servizi conferiti;
  • Comunità montane;
  • Comuni nati da fusione di Comuni istituiti a decorrere dal 1 gennaio 2011.

Le richieste dovranno pervenire on-line, per mezzo del Sistema Informativo Integrato della Programmazione Comunitaria 2014-2020 “SIAGE” raggiungibile all’indirizzo web:
https://www.siage.regione.lombardia.it/siage.

Tipologia di bando: Bando regionale
Ambito territoriale: Regione Lombardia

Per maggiori informazioni:
- Consultare il sito ufficiale


Scadenza: Presentazione domande dal 18/11/2015 alle ore 12:00 del 29 aprile 2016

Efficientamento energetico e rinnovabili negli edifici e nelle strutture pubbliche o ad uso pubblico (residenziali e non residenziali)

Tale bando è a favore di quegli enti pubblici che effettuano misure di efficientamento energetico e di utilizzo delle fonti rinnovabili nei propri edifici ad uso residenziale o destinati a ospitare servizi pubblici.

Il bando, che rientra nel FESR 2014-2020, ha come destinatari i servizi provinciali e altri enti pubblici. Gli immobili su cui effettuare gli interventi devono essere ubicati in provincia di Bolzano. L'intensità dell’agevolazione, calcolata sulla base dei costi ammissibili, è del 100% per i servizi provinciali (limitatamente a Ripartizioni e uffici) e dell’85% per gli altri enti pubblici. Non sono ammessi a finanziamento progetti che prevedono costi complessivi inferiori a 100.000 euro.

La dotazione complessiva del bando ammonta a 11 milioni di euro.

Tipologia di bando: Bando provinciale
Ambito territoriale: Provincia di Bolzano

Per maggiori informazioni:
- Consultare il sito ufficiale


Scadenza: Esaurimento fondo

Produzione di energia da fonti rinnovabili e efficienza energetica - Imprese

Il bando, con una dotazione iniziale di circa 2 milioni di euro nell’ambito dell’Azione 2.2 del POR-FESR 2007-2013, punta a favorire e sostenere gli investimenti delle imprese per l’acquisto e l’ammodernamento di impianti e macchinari per rendere più efficiente il proprio ciclo produttivo e promuovere l’uso razionale dell’energia. I progetti, che potranno essere presentati a partire dal 24 settembre 2013, dovranno essere corredati di una diagnosi energetica che dimostri l’effettivo impatto dell’iniziativa in termini di risparmio energetico, e potranno riguardare investimenti già realizzati o da realizzarsi.

Tipologia di bando: Bando regionale
Ambito territoriale: Regione Liguria

Per maggiori informazioni:
- Consultare il sito ufficiale


Scadenza: Esaurimento fondo

BANDO RISPARMIO ENERGETICO – EDIZIONE 2013

Agevolazioni per la realizzazione di interventi di risparmio energetico negli impianti e negli edifici esistenti. I soggetti beneficiari sono soggetti pubblici e privati, in qualità di:

  • Proprietari o titolari di diverso diritto reale o di godimento degli edifici collocati in Piemonte;
  • Amministratori condominiali di edifici da cinque o più unità abitative o da un rappresentante comune in caso di edifici composti da un numero di unità abitative fino a quattro collocati in Piemonte per conto dei soggetti sopraindicati;
  • Imprese o società di gestione energetica (ESCo) che operano per conto dei soggetti sopraindicati.

Tipologia di bando: Bando regionale
Ambito territoriale: Regione Piemonte

Per maggiori informazioni:
- Consultare il sito ufficiale


Scadenza: Esaurimento fondo

Incentivazioni all'insediamento di linee di produzione di sistemi e componenti nel campo dell'efficienza energetica e dello sfruttamento delle fonti rinnovabili

L'obiettivo è quello di promuovere investimenti finalizzati all’avviamento di linee di produzione di sistemi relativi alle tecnologie per l’utilizzo delle fonti rinnovabili e alle tecnologie per l’efficienza energetica mediante creazione di nuovo stabilimento, estensione di stabilimento esistente, diversificazione della produzione di uno stabilimento.

Tipologia di bando: Bando regionale
Ambito territoriale: Regione Piemonte

Per maggiori informazioni:
- Consultare il sito ufficiale


Scadenza: Presentazione domande a partire dal 29 giugno 2015

Aiuti alle PMI per investimenti in ambito di efficienza energetica, cogenerazione ad alto rendimento e fonti rinnovabili

Le spese ammissibili da questo bando sono:

  • L’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature varie, nuovi di fabbrica, comprensivi delle spese in opere murarie e assimilate strettamente connesse ed indispensabili per consentire l’installazione degli impianti e dei macchinari; 
  • Le spese di progettazione ingegneristica (per la redazione del progetto tecnico) e di direzione lavori sono ammissibili nel limite del 5% dell’investimento ammissibile; 
  • Le spese per la redazione della diagnosi energetica ex ante e della relazione finale dei risultati conseguiti nei limiti dell’1,5% degli investimenti ammissibili e nel limite complessivo massimo di € 10.000,00. 

Tipologia di bando: Bando regionale
Ambito territoriale: Regione Puglia

Per maggiori informazioni:
- Consultare il sito ufficiale


Scadenza: Per lavori con fatture emesse in data anteriore al 1° gennaio 2016

Contributi per l’installazione di sistemi per il rilevamento individuale del fabbisogno energetico per riscaldamento, raffrescamento e acqua calda sanitaria

Si incentiva l’installazione, qualora tecnicamente possibile, dei contatori di calore per determinare il consumo individuale di ogni utenza (obbligatori a partire dal 1 gennaio 2017). Inoltre, per quanto riguarda gli impianti di riscaldamento, ogni utenza deve essere dotata di uno strumento per regolare la temperatura ambiente individualmente.
Le spese ammissibili consistono in:

  • Ripartitori dei costi di riscaldamento;
  • Contatori di calore e contatori di acqua calda;
  • Strumenti di regolazione e valvole termostatiche;
  • Pompe di circolazione con regolazione automatica;
  • Cassette per contenere gli strumenti di misura e regolazione.

Contributo massimo in misura pari al 30% della spesa ammessa.

Tipologia di bando: Bando provinciale
Ambito territoriale: Provincia di Bolzano

Per maggiori informazioni:
- Consultare il sito ufficiale


Clicca qui per consultare i finanziamenti scaduti o chiusi di recente